Perchè NON dovrebbe essere presente in alcuni edifici

Lo Stato Vaticano, lo suggerisce il nome stesso, è un territorio indipendente con le sue leggi, le sue banche, la sua farmacia, il suo corpo militare.
Anche se storicamente la sua presenza in Italia sia stata un cardine determinante per lo sviluppo della nostra società, l’istruzione ci ha fornito altresì le basi culturali socio-politiche sufficienti per capire di dover scindere la religione dalle cose di Stato, perché il compito della religione è di salvaguardare le anime dei suoi fedeli in quanto tali, mentre il compito di uno Stato è salvaguardare equamente i diritti di tutti i cittadini che in uno Stato Libero possono professarsi di qualsivoglia religione.
Per questo l’articolo 7 stabilisce il principio di laicità ed ecco perché le scuole, strumento educativo dello Stato Italiano per i suoi cittadini, devono rispecchiare quello stesso principio nel rispetto di tutti i credi art.8
“Tutte le confessioni religiose sono libere davanti alla legge…”
Inoltre, se devo dirla tutta ed uscire dai confini etici e costituzionali trovo aberrante tanta tracotante fierezza nel voler difendere un’istituzione criminale che da secoli ingrassa e si espande sulle spalle della gente mentre all’ombra delle alte ed impenetrabili mura alleva pedofili stupratori che poi nasconde, fin quando possibile, dal cappio della giustizia. Una chiesa che nei secoli si è macchiata di tali crimini da far vergognare la mafia più spietata.
Aldilà di quella che può essere la mia personale visione, sul tema del crocifisso, pretendere che le scuole siano libere da iconografie religiose non deve essere considerato un gesto di rifiuto nei confronti della spiritualità e della fede, piuttosto un atto devoto al cittadino che in questo modo può vedere riconosciuto un suo “sacrosanto” diritto: quello di crescere in una società equa e rispettosa del prossimo, una società libera con liberi cittadini di ogni credo e per garantire la neutralità e la libertà, bisogna permeare neutralità.
(MariaStella)

Alcune classiche Affermazioni e Risposte:

A: “Dato che i bambini in italia sono battesimati e cresimati va rispettata* la religione vigente cristiana”
R: “Ci sono tantissimi bambini e bambine non battezzati ne cresimati in Italia e italiani, ma anche fra i ragazzi e gli adulti. L’essere nato su suolo italiano non comporta automaticamente l’essere registrati dalla chiesa e non tutti i genitori decidono di far battezzare i propri figli non essendo obbligatorio

A: “Qui c’e il Vaticano. Se vai in un altro paese rispetti* il loro credo.”
R: “Il vaticano è uno stato indipendente dall’Italia, in oltre andare in un’altro Stato non significa dover aderire obbligatoriamente alla religione locale. Altrimenti diventa una dittatura, di tipo religioso (Teocrazia)

A: “A scuola insegnano Religione cristiana”
R: “Nell’ora di religione si dovrebbero studiare tutte le religioni dal momento che la conoscenza della spiritualità è fondamentale per l’evoluzione di un essere umano. Nelle ore di Storia  non si studia solo la storia dalla fondazione d’italia in poi tralasciando tutto quanto il resto. Se si desidera una Istruzione di tipo cattolico esiste il Catechismo.”

A: “Anche gli ospedali sono laici ma il crocefisso c’è dappertutto… si fa l’albero e il presepe nelle feste… vogliamo impedirlo?”
R: “La maggior parte degli ospedali più famosi (a roma in particolare) sono edifici fatti costruire dalla Chiesa e che per questo adottano simboli cristiani. Ma ci sono ospedali fare costruire da altre “associazioni” religiose e non con diversi simboli e modo di svolgere il proprio lavoro.
A livello di competenza medica ad esempio l’ospedale israelitico di Roma è uno dei migliori per efficienza frequentato da persone di ogni religione o atei”

*In conclusione:

La scuola statale, cioè appartenente allo stato, deve rispettarne la laicità.
Esistono delle scuole private cattoliche o università di proprietà della chiesa, così come ospedali, e se decidiamo
di rivolgerci a tali strutture allora siamo coscienti che in esse troveremo operatori ed ambienti di tipo cattolico.
La questione si sposta sempre sul “Rispetto” ma mettere o togliere un simbolo religioso, non è una questione tanto di rispetto, ma di non voler obbligare le persone ad un determinato credo. Il rispetto lo possiamo portare quando magari un’altra persona ha idee differenti dalle nostre e possiamo rispettarle come no. La questione verte di più, a mio modesto parere, sulla Libertà di crescere esplorando idee e valori insieme agli altri.

(Parsel)

0 Commenti

Commenta

error: Contenuto protetto!!!