Mentre il Canada elimina le sue antiquate leggi sulla stregoneria, la persecuzione ha ancora gravi conseguenze in altre parti del mondo.

L’Ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i diritti umani, ad esempio, elenca ancora le accuse di stregoneria come una seria minaccia contro donne e altre minoranze. L’ufficio per i diritti umani osserva che “le credenze e le pratiche relative alla stregoneria hanno provocato gravi violazioni dei diritti umani, tra cui percosse, esilio, taglio di parti del corpo e amputazione di arti, torture e omicidi.
Le donne, i bambini, gli anziani e le persone con disabilità, in particolare le persone con albinismo, sono particolarmente vulnerabili. Nonostante la gravità di queste violazioni dei diritti umani, spesso non vi è una risposta forte da parte dello stato. Spesso i sistemi giudiziari non agiscono per prevenire, indagare o perseguire abusi dei diritti umani legati a credenze di stregoneria.

Questo fallimento istituzionale perpetua l’impunità “. Abbiamo già riferito su questi tipi di attacchi come l’evidente violenza contro le donne. Il documento finale dalla conferenza delle Nazioni Unite alcuni mesi prima, è stato rilasciato lo scorso gennaio.Abbiamo deciso di dare un’occhiata agli eventi e alle notizie internazionali nelle ultime settimane e di evidenziare gli assalti relativi alla Stregoneria per vedere se potevamo segnalare eventuali miglioramenti. La risposta breve è no.

A partire dall’Asia meridionale, la Tribune ha riferito che nello Stato indiano di Tripura, al confine con il Bangladesh, quattro persone presumibilmente complici il 31 dicembre 2018 hanno torturato e ucciso a mano un uomo anziano sospettato di praticare la stregoneria e la magia nera. Ottantenne, il signor Nakuljoy Reang sopravvisse all’attacco immediato, ma successivamente soccombette alle ferite in un ospedale locale. Varie fonti hanno riferito che le pratiche tribali e indigene si basano su rituali per curare le malattie nella loro comunità. Non è chiaro se la vittima abbia effettivamente praticato una fede indigena. Le fonti non hanno identificato l’origine tribale di Mr. Reang; tuttavia la regione Assam dello stato del Tripura in cui è avvenuto l’attacco è dominata dalla tribù e diversificata nella pratica religiosa con una popolazione indù dominante seguita da una significativa presenza musulmana. Due uomini sono stati arrestati.

L’attacco attuale è uno di una lunga serie di assalti basati sulla Stregoneria in India sulle vittime che sono prevalentemente donne, come rilevato da una ricerca di Scientific American. Alcuni anni fa, tre donne furono accusate di divorare le anime di due uomini che erano morti nello stato del Gujarat. Le donne sono state attaccate da una folla di uomini con bastoni di legno e tubi di ferro mentre urlavano la parola per strega. Questo attacco ha fatto notizia internazionale esponendo la misoginia tribale profondamente radicata e la superstizione che permettono agli uomini di quella regione di attaccare le donne a prendere possesso di oggetti di valore come la terra. Secondo quanto riferito, le donne sono sopravvissute, ma sono state aggiunte a una lista di oltre 2.500 indiani che sono stati molestati, sfrattati o uccisi nelle cacce alle streghe dal 2000, anno in cui sono stati conservati i documenti.

Altrove, vicino alla città di EmaXesibeni (precedentemente chiamata Monte Ayliff) nell’Eastern Cape del Sud Africa, Eyewitness News di Johannesburg ha riportato un simile attacco provocato dalle accuse di Stregoneria. I membri della comunità hanno riferito di aver attaccato la signora Noxhamla Landa e bruciato la sua casa a terra. L’attacco avrebbe avuto luogo il 24 dicembre alle 4:10 e seguirà attacchi simili nelle vicinanze su due sorelle, la signora Nothethisa Ntshamba e la signora Ntombi Ndlanya, che sono state bruciate a morte.
Il Daily Dispatch ha riferito che due ragazzi adolescenti, tre femmine adulte e due maschi adulti erano stati arrestati in connessione con l’attacco doloso. Il sindaco del distretto ha commentato che il distretto avrebbe assicurato che a Landa sarebbe stato dato un “funerale dignitoso”. L’Alleanza dei diritti pagani sudafricani (SAPRA) ha aggiunto la signora Landa e le sorelle Ntshamba e Ndlanya al loro progetto Remember the Names.
Il sito web elenca le vittime delle cacce alla strega che hanno avuto luogo in Sud Africa. Come nota SAPRA, “Molte altre accuse di stregoneria e cacce alle streghe non vengono riportate. I rifugiati di accuse di stregoneria ricevono poca o nessuna copertura mediatica in Sud Africa “

0 Commenti

Commenta

Calendario Eventi

<< Gen 2019 >>
lmmgvsd
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
error: Contenuto protetto!!!