La Fenomenologia dello Spirito

George Wilhem Friedrich Hegel

Nell’Europa agitata dalle guerre napoleoniche, il lento travaglio speculativo di un professore di filosofia dal futuro ancora incerto dà vita alla Fenomenologia dello spirito (1807).

L’opera, fra le maggiori dell’idealismo tedesco, restituita al suo contesto invita a diffidare di quell’assoluto di cui Hegel, a Jena, ha imparato a contestare la pretesa fondamentalista. In una serrata e affascinante narrazione, il lettore diviene fin dall’inizio spettatore e compagno lungo la via del dubbio e della disperazione, dove la coscienza incontra le diverse figure che ai suoi occhi incarnano la presenza del senso – salvo verificare drammaticamente, a ogni passo, l’instabilità della certezza di volta in volta conquistata. Il divenire sfida il logos a rendere fluido un pensare che tende a irrigidirsi, e la filosofia post-rivoluzionaria sperimenta così la legittimità e insieme le dolorose conseguenze delle proprie pretese emancipative.

L’inesauribile ricchezza del capolavoro hegeliano ne ha fatto un termine di confronto privilegiato per le filosofie del xx secolo, e ancora per il dibattito attuale: la Fenomenologia dello spirito continua a rivelarsi quell’autentico spartiacque della modernità su cui – come ebbe a scrivere Karl Rosenkranz – «lo spirito dell’umanità» ha dovuto soffermarsi, «onde render conto a se stesso di ciò che era divenuto».

Avatar

0 Commenti

Commenta

Calendario Eventi

<< Ott 2019 >>
lmmgvsd
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3

Eventi

  • Non ci sono eventi
error: Contenuto protetto!!!