Articolo da: Makniya – N°02 Imbolc 2018

Siamo quasi alla fine dell’inverno, il nostro corpo che, per proteggersi dal freddo, ha lavorato accumulando grassi, entra in una fase di cambiamento, in sintonia con le energie di questo periodo.

Come accompagnare la luce e la rinascita presenti in questo momento dell’anno? E’ importante perderci cura degli organi che sono sottoposti a stress, principalmente il fegato, i reni, l’intestino e la pelle. I disturbi di questo periodo sono associati al sovraccarico di lavoro che essi devono svolgere, perché il corponaturalmente entra in uno stato di purificazione per liberarsi delle scorie accumulate nell’inverno, e, poiché sono organi che lavorano in sintonia, è importante prendersi cura di ciascuno di essi e non uno soltanto, per ottenere buoni risultati. E’ dunque il momento adatto per disintossicarci.

– Curiamo allora particolarmente l’alimentazione: diamo maggiore importanza ai cibi freschi e leggeri, come la frutta e verdura di stagione, che non sovraccaricano il nostro metabolismo e assumiamo più liquidi. I fritti e i grassi animali, i crostacei, i prodotti confezionati, un eccesso di zuccheri vanno evitati, perché appesantiscono il lavoro del nostro corpo, che si sta sforzando di purificarsi. L’intestino inoltre, per funzionare correttamente ha bisogno di pasti regolari e non caotici.

Per depurare ad hoc i singoli organi ci sono delle tisane particolarmente adatte:

Tisane per il fegato: carciofi o tarassaco, ma anche liquerizia e menta e cardo marino. Tisana per i reni: ortica o uva ursina, l’equiseto, la bardana in particolar modo rimuove i prodotti di scarto accumulati dai reni. La maggior parte hanno un effetto diuretico.

Tisane per l’intestino: finocchio e anice, malva e fiori di lino Tisane per la pelle: bardana, ortica e salvia.

– L’inverno ci porta alla sedentarietà: è giunto il momento di iniziare a muoverci, anche semplicemente camminando di più, o iniziando un’attività fisica.

– E’ importantissimo disintossicarsi attraverso la Respirazione: questo è il sistema che elimina maggiormente le tossine presenti nel nostro corpo,

Ground Outs Outdoor Green Nature Tree Steps Path

apportando inoltre energia in tutte le cellule del nostro corpo, attraverso l’ossigeno veicolato dal sangue (respirazione cellulare).

Non soltanto è importante passare più tempo all’aria aperta e nella natura, per attingere a una qualità dell’aria migliore, ma anche dedicare alcuni minuti ogni giorno (e possibilmente più volte al giorno) ad un esercizio di respirazione molto semplice: la “Respirazione Consapevole”.

Le prime volte si esegue in posizione seduta ma, successivamente, può essere fatta ovunque e in qualunque circostanza: si tratta di respirare mettendo attenzione al respiro stesso. Normalmente respiriamo senza renderci conto di farlo, e difficilmente ci accorgiamo dei molti momenti di pausa e di trattenimento del respiro, che avvengono inconsciamente.

Inoltre la vita stressante ci porta ad una respirazione non piena, utilizziamo lo stretto necessario per sopravvivere, ma non benficiamo di tutto il potenziale della respirazione: la depurazione più profonda del corpo avviene quando il respiro è circolare, lento e connesso.

Come si esegue questo esercizio di consapevolezza del respiro? Occorre fermarsi da ciò che si sta facendo, portando l’attenzione alla respirazione, mettendo una mano sul diaframma, sopra l’ombelico, e l’altra sul petto, sopra lo sterno.

Inspiriamo ed espiriamo attraverso il naso. Quando inspiriamo iniziamo gonfiando il ventre (non eccessivamente) e di seguito continuiamo ampliando anche il torace. Quando espiriamo invece, il torace si abbassa e il diaframma si sgonfia. L’effetto evidente di questo esercizio è che le due mani si alzano quando inspiriamo e si abbassano quando espiriamo.

Non ci sono pause tra l’inspirazione e l’espirazio ne, possiamo usare l’immaginazione e creare una vera e propria onda col nostro respiro, come le onde del mare, che non si fermano mai. Questo esercizio dura una ventina di cicli respiratori (inspirazione e la sua successiva espirazione sono un solo ciclo), useremo un ritmo lento, naturale, senza forzare nulla.

Pian piano senza accorgercene, anche riprendendo le nostre attività, la nostra modalità di respirazione migliorerà notevolmente. Questo tipo di respirazione davvero disintossica le cellule del nostro corpo, riattiva il metabolismo, dona mobilità e massaggia gli organi contenuti nella cavità addominale, favorendone il buon funzionamento, purifica e ossigena la pelle, libera dallo stress. Rilassa e disintossica anche la mente perché mentre siamo concentrati sulla respirazione non sarà possibile pensare a null’altro, se non al respiro stesso ed alle sensazioni che suscita in noi.

Purificare e mantenere il corpo più pulito eliminado le scorie le sostanze che lo intossicano crea una maggiore resistenza alle allergie e a tutti gli elementi che irritano propri della primavera in arrivo. Le allergie infatti si amplificano tra loro in manie ra esponenziale, e anche il loro grado di intensità verrà ad essere minore e più gestibile.

 

Di: Ishara Gabri per Makaniya Imbolc 2018

Avatar

0 Commenti

Commenta

Calendario Eventi

<< Ago 2019 >>
lmmgvsd
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
error: Contenuto protetto!!!